UNDER 16 ELITE FEMMINILE

isola 5

……L’ ISOLA CHE NON C’E’ …….

gara 1 – OROROSA BERGAMO vs AZZURRA BASKET ORVIETO 77 – 13 

Parziali (21/4 – 20/3  – 26/2 – 10/4)

OROROSA BERGAMO:   Agazzi 4, Capelli 4, Gatti 10, Ducoli 4, Mazzucchelli, Laube  14, Mozou 12, Fustinoni 17, Luciano, Torri 4, Epis, Peracchi 8.  All. Stazzonelli, vice Villa E.

 

gara 2 – OROROSA BERGAMO vs BASKET AKADEMY MIRABELLO 42 – 66 

Parziali (11/21 – 8/11  – 8/20 – 15/14)

OROROSA BERGAMO:   Agazzi 2, Capelli, Gatti 4, Ducoli 5, Mazzucchelli 2, Laube  6,
Mozou 6, Fustinoni 8, Luciano 4, Torri 1, Epis, Peracchi 4.  All. Stazzonelli, vice Villa E.

gara 3 – OROROSA BERGAMO vs FUTUROSA TRIESTE 57 – 33 

Parziali (19/5 – 9/9  – 19/8 – 10/11)

OROROSA BERGAMO:   Agazzi 6, Capelli, Gatti, Ducoli 1, Mazzucchelli, Laube  12,
Mozou 10, Fustinoni 14, Luciano 3, Torri 3, Epis, Peracchi 8.  All. Stazzonelli, vice Villa E.

Eccoci all’Interzona, per cercare di guadagnarci le finali nazionali, quelle finali nazionali che a Settembre “a pensarci …che pazzia!, è una favola, è solo fantasia”, e che piano piano sono diventate un sogno da realizzare, allenamento dopo allenamento, difficoltà dopo difficoltà, miglioramento dopo miglioramento.

Arriviamo a San Vincenzo Venerdì per pranzo, nel primo vero weekend estivo, sole e mare, la splendida isola di Capraia sullo sfondo, tutto stupendo.

Le ragazze e i Coach sono carichi, rispettosi delle avversarie, ma fiduciosi, qualche possibilità di passare ce l’abbiamo anche noi. Il primo avversario è Orvieto, campione d’Umbria. La tensione è palpabile, non si sa cosa ci aspetta, ma già dopo pochi minuti prendiamo un buon margine e appare evidente che la differenza è troppa, nonostante l’impegno le Umbre sono per la maggior parte sotto età e il divario tecnico e fisico è troppo. Come se non bastasse le nostre sono in giornata e scaricano letteralmente in campo l’energia accumulata nelle ultime settimane di preparazione all’evento clou dell’anno. Bene, bravissime.

Dopo una bella serata in gruppo e un ancor più divertente mattinata, siamo pronte per Mirabello, squadra impressionante per fisicità e gioco, la partita del primo giorno ha confermato se non rafforzato quanto si sapeva. Le ragazze entrano in campo con eccessivo timore reverenziale, e dopo un paio di minuti si scaviglia Agazzi, ma stiamo comunque in partita per tutto il primo tempo. Nel terzo quarto però le Ferraresi scappano via e la testa va già alla sfida decisiva dell’ultimo giorno. Mentre Mirabello festeggia noi ce ne torniamo in albergo un po’ abbacchiate, “la ragione ci ha un po’ preso la mano, ed ora siamo quasi convinte che …”, ma col passare delle ore la fiducia comincia a tornare, “non è una favola, non è solo fantasia”, siamo a 40 minuti dalle Finali Nazionali, Trieste farà di tutto per arrivarci visto che si giocherà nella città Giuliana, ma è fattibile, se giochiamo come sappiamo, “se ci crediamo, ci basta, perché poi … la strada la trovi da te”.

La mattina alle 9 siamo lì, manca un’ora, gli occhi e i movimenti delle ragazze trasmettono emozioni, è il bello dello sport, indescrivibili ed indimenticabili emozioni che solo momenti come questi sanno farti provare, adrenalina pura. Pronti, via …e la strada le ragazze la trovano eccome, la strada che i loro coach hanno indicato per tutto l’anno, perché come dice coach Villa “l’attacco vende i biglietti, ma la difesa vince le partite”.

Primo quarto: 19 a 5, un muro davanti al nostro canestro. Le Triestine ci mettono anima e cuore, provano a non mollare, si infortuna anche Gatti, ma a metà terzo quarto piazziamo un 14 a  0 che ci porta sul 44 a 20 e di fatto chiude il match.

A fine partita, dopo il saluto alle nostre avversarie, che sono davvero l’ultima squadra che avremmo voluto trovarci di fronte in questa sfida da dentro o fuori, soprattutto dopo la splendida esperienza di Dicembre al torneo di Trieste, si corre tutti in spiaggia per un tuffo che nessuna scorderà.

Intanto coach Stazzonelli è raggiante per il risultato raggiunto: “Un bravo a tutte le ragazze che si sono messe a disposizione dello staff partita dopo partita, nella partita finale con Trieste incredibile gara di Fustinoni e Peracchi che limitano i due centri triestini incidendo non poco anche in attacco, ottima anche la gara di Mozou che è riuscita nel momento decisivo a prendere in mano la squadra spaccando la zona 131 con canestri di alta levatura tecnica, Luciano e Mazzucchelli hanno lavorato forte in difesa togliendo ossigeno alle guardie avversarie, Laube dopo una partenza lenta ha fatto vedere buone cose nel terzo quarto e un brava ad Agazzi che dopo l’infortunio contro Mirabello ha fatto di tutto per essere in campo nella partita più importante dando un grande contributo alla causa. Ora andiamo a Trieste con lo spirito giusto, cercando di divertirci e di continuare a stupire.”

Martedì torniamo in palestra, abbiamo due settimane per continuare ad allenarci al meglio e soprattutto non dimentichiamo di continuare a cercare … L’isola che non c’e……L’isola che non c’è … … L’isola che non c’è…..

Forza Ragazze !!

Clicca sotto per visualizzare le 300 immagini che raccontano l’impresa di San Vincenzo:

L’ISOLA CHE NON C’E’

Annunci